CHI SIAMO

 

CONTATTI

 

LA SEDE

 




Home

Cos'è il kendo

 Concetti chiave
del Kendo

Il Proposito di
Praticare Kendo


I Diedi Precetti
del Kendo


Etichetta (Reigi)

Tecniche (Waza)

Kata

Competizioni
(Shiai)

Sul Bushido

















Tecniche (Waza)

Un buon kendo si basa sulle tecniche fondamentali. Il principiante deve concentrarsi sulle tecniche di base; tralasciare lo studio delle tecniche di base per saltare a quelle più avanzate, può creare cattive abitudini che risultano essere estremamente difficili da correggere. Anche il praticante avanzato deve costantemente ripassare le tecniche di base, in quanto ciò rappresenta il presupposto per la corretta esecuzione delle avanzate. 

Tecniche di base

Ciò che segue è una sorta di sezione di apprendimento i cui dettagli debbono essere valutati dal proprio istruttore.

§  Kamae (postura): le cinque posture di base:

§  Chuudan no kamae - media

§  Joudan no kamae - alta sopra la testa

§  Gedan no kamae -bassa punta verso il suolo

§  Hasso no kamae - alla spalla destra

§  Wakigamae - alla natica destra

§  Ashi sabaki - (movimento dei piedi)-: le categorie di base del movimento dei piedi sono:

§  Okuri ashi - piede destro sempre avanti

§  Ayumi ashi - piede destro e sinistro avanti alternativamente

§  Hirakiashi - di lato a lato

§  Suburi - esercizio propedeutico consistente nell'eseguire colpi a vuoto coordinando i vari movimenti delle braccia e delle gambe

§  Tai atari - (colpire col corpo) - ossia azione in cui si urta col proprio corpo quello dell'avversario

§  Kirihaeshi - esercizio di base con attacchi ripetuti al men avversario

§  Kakari geiko - attacco di pratica

§  Ji geiko - pratica di attacco libero in cui conta non tanto fare il punto quanto combattere bene

§  Shiai geiko - pratica di torneo in cui conta fare il punto.

 Tradizionalmente le azioni nel kendo si dividono in tecniche di attacco o offensive (shikake waza) e tecniche di contrattacco (ouji waza):

 Shikake waza 

§  Ippon uchi (tecnica in un solo colpo): men, dou, kote, tsuki

§  Nidan waza, sandan waza ( tecniche di due e tre colpi): kote/men, kote/dou, men/dou ecc

§  Harai waza (spazzare): harai/men, harai/kote

§  Debana waza (tecnica d'anticipo): debana/men debana/kote

§  Hiki waza (attaccare andando indietro): hiki/men, hiki/kote, hiki/dou

§  Katsugi waza (si porta la spada all'altezza della spalla sinistra con un rapido movimento, quando l'avversario fa un attacco, effettuitanso a nostra volta l'attacco): katsugi/men, katsugi/kote, Katsugi/dou.

§  Maki waza: tecnica in cui si rompe il kamae avversario realizzando un piccolo movimento circolare col proprio shinai, attorno allo shinai avversario e continuando lanciando l'attacco.

§  Katate waza: tecnica ad una sola mano 

Ouji waza

§  Suriage waza: (tecnica in cui si para un colpo deviandolo con un movimento verso l'alto e si colpisce approffittando della posizione sbilanciata dell'avversario): men/suriage men, kote/suriage kote, kote/suriage men

§  Kaeshi waza: (tecnica con cui si para il colpo dell'avversario e si porta l'attacco dalla parte opposta a quella della parata): men/kaeshi dou, men/kaeshi men, kote/kaeshi kote

§  Uchiotoshi waza: (tecnica con cui si colpisce verso il basso lo shinai dell'avversario e si attacca approfittando della sua posizione sbilanciata): dou/uchiotoshi men

§  Nuki waza: (tecnica con cui si induce l'avversario ad attaccare e si schiva il suo colpo): kote/nuki men, men/nuki men.










" Se uno inizia un  combattimento deve vincerlo,

però il combattimento non è

l'obiettivo...

l'arte del guerriero è l'arte della pace.

E' molto difficile:

devi vincere senza che inizi questo combattimento.

(Gli insegnanti

di un guerriero)